Le Cene sotto le stelle dei Giovedì del gusto sono ormai un appuntamento estivo rodato e attesissimo.

Anche quest’anno abbiamo voluto esserci, invitati da Taste of Lanciano. Il brand promuove la rassegna coinvolgendo i ristoranti del centro storico di Lanciano in un’ideale tavolata notturna che abbraccia interamente la città.

L’edizione appena trascorsa ha celebrato la letteratura dalle radici abruzzesi.

Ognuna delle quattro serate in programma è stata dedicata a una personalità culturale con aperitivi letterari che hanno avuto luogo presso il Foyer Alfredo Cohen del Teatro Fenaroli. A seguire, i ristoranti partecipanti hanno proposto la sua Cena sono le stelle a tema all’aperto, rese ancora più piacevoli dai concerti di Alexian Group, Kelly Joyce Sextet, Sherrita Duran Septet e Leggermente a Sud per il World Music Festival Musica in movimento.

La Cena sotto le stelle del 1° luglio è stata interamente ispirata a Gabriele D’Annunzio. Ai vecchi sapori ha proposto un menu dedicato alla passionalità del Vate, amante del genere femminile e della vitalità della Natura. Con Passione e gola dall’alba al tramonto abbiamo dato voce e sapore al lirismo decadente e agli amori sregolati dello scrittore pescarese.

cene sotto le stelle “Canto del sole” – frittatina agli ortaggi estivi

“Il fuoco” – fettuccione integrale alla ventricina

“Linnocente” – agnellino al forno con costoletta mancante

“O falce di luna calante” – cheesecake al limone

Il 18 luglio John Fante ci ha trasportati in un porto franco fra Abruzzo e Stati Uniti.

L’autore era figlio di un umile immigrato di Torricella Peligna a caccia del sogno americano.

Fante è stato da noi interpretato con sapori, aromi e colori particolarmente vivaci, così come lo sono le sue pagine ironiche e piene di esperienza vissuta.

Il menu de Ai vecchi sapori è stato ispirato ai grandi amori del narratore: le donne, il padre, lo sport e le origini italiane.

  “Camilla Lopez” (le donne) – tacos all’abruzzese con cipollata, ventricina, peperoni arrosto e caciocavallo

“Merenda del muratore” (il padre) – chitarrina al Montepulciano con borragine e salsiccia

“Baseball” (lo sport) – polpette di coniglio ai porcini

“Radici” (le origini abruzzesi) – crostata con ricotta e liquirizia

Cucinare con amore per l’amore è il nostro mestiere, e tradurre in gastronomia l’Ars Amatoria di Ovidio è stato particolarmente intrigante, in occasione del Giovedì del gusto del 25 luglio.

A distanza di duemila e più anni, il piglio ironico e disincantato con cui il poeta – nativo di Sulmona – giocava a comporre versi sull’arte di amare è ancora attuale e largamente godibile. Il menu da noi proposto è stato dedicato a miti famosi e consigli di seduzione sempreverdi elargiti nei versi del poeta nativo di Sulmona.

  “Venere e Marte nei lacci di Vulcano”: tortino di riso venere crema di piselli e lacci di pancetta croccante

“Accattivante gelosia”: varietà di verdure imprigionate in sottili trame di sfoglia di pasta

“Seduzione… a fuoco lento”: guancia di manzo baciata e brasata

“Intortata adulterina di Elena e Paride”: dolce mela del peccato

Il genio di Ennio Flaiano è stato il tema dominante della serata finale del 1° agosto. Campione indiscusso di ironia e dissacrazione, lo scrittore pescarese è stato anche prolifico autore di soggetti e sceneggiature per il cinema. Il nostro menu, dal titolo Ciak, si mangia! Al cinema con Ennio Flaiano, ha voluto rendere omaggio a questo aspetto peculiare della sua creatività, attraverso sapori schietti e sinceri.

 “Benvenuti a Cinecittà”: anteprima di antipasto misto capitolino

“Fuga in Francia”: crêpes gratinate con forastiche erbe di stagione in salsa besciamella

“La danza del fuoco”: coreografia di carni e verdure

“La dolce vita”: semifreddo sotto la fontana

L’appuntamento è sicuramente per l’estate prossima con Taste of Lanciano e le piacevolissime Cene sotto le stelle dei Giovedì del gusto.